Storia horror: il diavolo in casa

La STORIA HORROR: IL DIAVOLO IN CASA, è stata inviata a HorrorVertolli da una lettrice del blog.

Storia horror: il diavolo in casa.

Noi di HorrorVertolli non possiamo appurarne la veridicità e nemmeno ci interessa farlo, perché l’importante è che qualsiasi cosa ci arrivi, riesca a intrattenere voi fan dell’orrore e soprattutto riesca a inquietarvi in modo vertiginoso. A me questa storia ha inquietato, credo lo farà con tutti voi, perché qui si parla di quotidianità e di vita reale. Continuate a leggere per morire di paura.

Vi racconto un fatto che fa parte della mia vita, riguardante moltissimi anni fa, che non ha nulla a che vedere con fantasmi o altro ma che fonda le proprie radici nella vita reale.

Per motivi che non ho voglia di specificare fui costretta a sposarmi con un uomo che non amavo, il tipico matrimonio combinato.

Ero giovane, a quei tempi non c’era molta informazione in giro ed ero una ragazza madre. La mia famiglia, che aveva una mentalità molto antica, riuscì a convincermi a sposarmi e accadde.

La vita matrimoniale non andava affatto bene e forse lui aveva capito che molto presto avrei detto la parola fine al nostro matrimonio, forse fu per quel motivo che fece quella cosa. Iniziai a svegliarmi strana e con amnesie, non ricordavo nulla più delle ultime ore e non capivo. Credevo di avere qualche malattia… La cosa andò avanti per quasi un mese e ogni giorno era peggio dell’altro.

Un giorno, sospettosa, quando mio marito era a lavoro, presi a frugare ovunque nella casa. Trovai nascoste tra i suoi abiti alcune scatole di sonnifero e così capii il motivo del mio malessere.

Quella stessa sera lo affrontai e lui non ammise la sua colpevolezza nemmeno di fronte all’evidenza. Mi disse che forse era stato il diavolo ma per me lo era lui. Lo aveva detto guardandomi in quel modo sinistro. Morii di paura, ero terrorizzata. Trovai tuttavia il coraggio per fare qualcosa, così presi mio figlio, me ne andai da un’amica e chiesi il divorzio.

In seguito, ogni qualvolta lo incontravo, lui si comportava sempre cordialmente e in modo normale, ma io non dimenticai mai quel periodo. Ancora oggi non so cosa accadeva quando ero sotto effetto dei sonniferi e non lo saprò mai (non che voglia scoprirlo dopo oltre trentanni), forse stava soltanto cercando di uccidermi, ma so soltanto che per me il diavolo era lui.

 

Storie horror

Leave a Reply