Sindromi psichiche molto particolari

In questo articolo del blog approfondiremo alcune SINDROMI PSICHICHE MOLTO PARTICOLARI, le quali suscitano molto interesse anche in chiave horror. Difatti molti film horror sono stati ispirati da alcune sindromi psichiche, uno su tutti l’horror psicologico del 1996 La sindrome di Stendhal diretto da Dario Argento, con protagonista Asia Argento.

Sindromi psichiche molto particolari

Adesso scopriamo alcune Sindromi psichiche molto particolari:

Sindrome di Stoccolma

Con l’espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di episodi di violenza fisica, verbale o psicologica. Il soggetto affetto dalla sindrome di Stoccolma, durante i maltrattamenti subiti, prova un sentimento positivo nei confronti del proprio aggressore che può spingersi fino all’amore e alla totale sottomissione volontaria, instaurando in questo modo una sorta di alleanza e solidarietà tra vittima e carnefice.

Questa sindrome deve il suo nome a una rapina in banca avvenuta a Stoccolma, in Svezia. I rapinatori tennero in ostaggio i dipendenti della banca dal 23 al 28 agosto 1973 ed i prigionieri si attaccarono emotivamente ai loro sequestratori. Dopo il rilascio, arrivarono a difendere i rapitori rifiutando di testimoniare contro di loro.

Sindrome di Stendhal

La Sindrome di Stendhal è caratterizzata da ansia fisica ed emotiva (fino ad arrivare ad attacchi di panico), esperienze dissociative, confusione e persino allucinazioni quando un individuo è esposto all’arte.

La sindrome è di solito innescata da un’opera d’arte percepita come particolarmente bella o può verificarsi quando la persona è esposta a grandi quantità di arte concentrata in un unico luogo. La sintomatologia può anche seguire un’esperienza particolarmente travolgente, per esempio quando ci si confronta con l’immensa bellezza del mondo naturale.

La sindrome prende il nome dal famoso scrittore francese del 19° secolo Stendhal, che ha descritto un’esperienza simile durante la sua visita a Firenze, nel 1817, all’età di 34 anni. Di solito, la sindrome di Stendhal regredisce autonomamente.

Sindrome di Fregoli

Tra le Sindromi psichiche molto particolari abbiamo anche la Sindrome di Fregoli, anche nota come fregolismo, è una rara malattia psichiatrica con presenza di delirio di trasformazione somatica, in cui avviene da parte del paziente il riconoscimento di persone non conosciute o sovviene allo stesso l’idea che le persone conosciute modifichino il proprio aspetto per non essere riconosciute.

In questa sindrome, il malato ritiene di essere ricorrentemente perseguitato da un individuo, che lo affianca sostituendosi ad altre persone. L’individuo persecutore è sempre lo stesso soggetto e questo la differenzia dalla sindrome di Capgras, dove sono presenti diversi soggetti persecutori.

Sindrome della mano aliena

La sindrome della mano aliena, anche nota come sindrome della mano anarchica, è un raro disturbo neurologico in base al quale una mano (in genere la sinistra) sembra avere vita propria, non eseguendo ciò che dovrebbe fare. Spesso cerca di impedire le azioni della mano inalterata (in genere la destra) oppure i movimenti del soggetto stesso.

La sindrome insorge solitamente dopo una separazione chirurgica degli emisferi cerebrali, una procedura a volte utilizzata per alleviare i sintomi più gravi dell’epilessia. Il disturbo può verificarsi anche dopo altri tipi di interventi o come conseguenza di malattie neuro-degenerative.

I pazienti affetti hanno per nulla o pochissimo controllo di una mano, la cosiddetta mano anarchica. I soggetti ritengono la mano come estranea o non appartenente al proprio corpo. Questo causa generalmente dei “conflitti inter-manuali” in cui la mano “anarchica” agisce contro l’altra mano “buona”.

Ad esempio, se la persona interessata vuole mangiare qualcosa con la mano destra, la mano sinistra gli impedirà di compiere l’atto, o, in casi estremi, cercherà di strangolare il soggetto. Spesso il paziente non è consapevole di ciò che la mano estranea compie, fino a quando non cattura l’azione con i propri occhi.

Apotemnofilia

Con apotemnofilia si definisce il desiderio su base erotica e sessuale di avere uno o più arti amputati o di apparire come se così fosse. Viene associato al raro disturbo dell’identità dell’integrità corporea, in quanto può essere una delle motivazioni che portano alla richiesta di amputazione da parte dei pazienti di un proprio arto che – nel BIID – non si riconosce più come proprio. In taluni casi può essere riconosciuta come un disturbo mentale e trattata con anti-psicotici.

Se questo articolo vi è piaciuto, leggete anche l’articolo intitolato Sindromi psichiche e deliri.

 

 

 

Add Comment