Sindrome della mano aliena

La SINDROME DELLA MANO ALIENA (AHS: Alien Hand Syndrome) è un raro disturbo neurologico in base al quale una mano (in genere la sinistra) sembra avere vita propria, non eseguendo ciò che dovrebbe fare.

Questa sindrome molto particolare viene anche chiamata sindrome della mano anarchica o sindrome del Dottor Stranamore (in riferimento al al personaggio interpretato da Peter Sellers nel celebre film di Stanley Kubrick del 1964 il Dr. Stranamore, dove soffriva di sindrome della mano aliena e non riusciva a trattenersi dal fare il saluto nazista.

Sindrome della mano aliena

Il primo caso lo descrisse nel 1908 il neurologo tedesco Kurt Goldstein. Il neurologo tedesco analizzò il caso di una donna colpita da un ictus. La paziente guarì, ma il suo braccio sinistro rimase estraneo al corpo, con la mano che compiva azioni contro la sua volontà. Quando la mano anarchica afferrava oggetti, la donna non riusciva a ordinarle di rimetterli a posto.

Sintomi nella Sindrome della mano aliena

Un paziente affetto dalla Sindrome della mano aliena non ha il controllo della mano sinistra, la quale sembra avere vita propria e spesso cerca di impedire le azioni della mano inalterata (in genere la destra) oppure i movimenti del soggetto stesso.

I pazienti ritengono quindi la mano come estranea (aliena) o non appartenente al proprio corpo. Questo causa generalmente dei conflitti inter-manuali in cui la mano anarchica agisce contro l’altra mano buona. Ad esempio, se il paziente intende mangiare qualcosa con la mano destra, la mano sinistra gli impedirà di farlo o, in casi estremi, cercherà di strangolarlo.

In questo disturbo psichico molto particolare, spesso il paziente non è consapevole di ciò che la mano anarchica compie, fino a quando non cattura l’azione con i propri occhi.

Le cause della Sindrome della mano aliena

La Sindrome della mano aliena ha due varianti:

A) Variante callosale: Una lesione o altri danni al corpo calloso possono portare a un’interruzione della comunicazione tra i due emisferi del cervello, poiché ciascuna metà del cervello è responsabile del controllo del rispettivo lato opposto del corpo. La mano sinistra sarà in questo caso, sotto il controllo del solo emisfero dominante del cervello (destro).

Tuttavia, l’emisfero sinistro è il responsabile dello scambio di informazioni (attraverso il corpo calloso) con l’emisfero destro, generalmente di processi di pensieri logici e analitici e per il controllo di movimenti motori complessi. La caratteristica di questa variante è che spesso la mano aliena è particolarmente attiva quando la mano buona esegue azioni o tenta di farne, comportamento che è stato definito “auto-limitante”.

Se il paziente vuole bere un bicchiere d’acqua, ad esempio, la mano anarchica tenderà ad allontanarlo dalla bocca oppure se si vuole rispondere al telefono le due mani entreranno in competizione per afferrarlo.

B) Variante frontale: In questo caso si verificano danni al lobo frontale senza che il corpo calloso venga coinvolto ed è anche la variante più comune. In questa variante la mano anarchica tende a esplorare l’ambiente e a manipolare gli oggetti nell’ambiente personale, mimandone le funzioni. Il paziente quando si accorge di avere questi oggetti in mano ha difficoltà a liberarsene. Questa variante può portare anche ad atti di autoerotismo in pubblico.

 

 

 

 

Add Comment