Patrick Bateman

PATRICK BATEMAN è un personaggio horror protagonista del romanzo American Psycho e della sua successiva trasposizione cinematografica. Questo personaggio appare anche in altri romanzi dello scrittore Bret Easton Ellis: Le regole dell’attrazioneGlamorama Lunar Park.

Patrick Bateman

“In realtà non sono io, ma una pura entità, qualcosa di illusorio. Anche se so mascherare la freddezza del mio sguardo, e tu puoi anche stringermi la mano e sentire la mia pelle a contatto con la tua, e persino arrivare a credere che i nostri stili di vita sono perfettamente comparabili… la verità e che io non sono lì!”

Caratteristiche di Patrick Bateman

Il personaggio horror Patrick Bateman è il classico yuppie ricco, avido, superficiale e dipendente dalla droga e dal sesso. È ossessionato dal dettaglio, ne ha una cura ossessiva. Arriva a detestare chiunque lo superi in buon gusto sulla scelta dell’abbigliamento e di tutto il resto che forma la sua immagine. Si mette in competizione persino sulla pregiata riuscita del suo personale biglietto da visita.

Patrick Bateman può anche sembrare l’incarnazione dell’uomo d’affari affascinante e decisamente sicuro di sé, ma in realtà sembra odiare se stesso così come odia chi lo circonda. Molti vittime le uccide perché lo fanno sentire inferiore, come nel caso di quando uccide il suo collega Paul Owen.

I suoi amici lo deridono definendolo “il ragazzo della porta accanto” e il suo avvocato si riferisce a lui come a «un sanguinoso baciaculi buono buono». Dalle persone al di fuori della sua cerchia sociale viene etichettato come “yuppie di merda“.

Ha frequenti attacchi di psicosi, allucinazioni ed episodi di spersonalizzazione, come quando afferma: «C’è l’idea di Patrick Bateman, una sorta di astrazione, ma non esiste un vero e proprio “me”. C’è soltanto qualcosa di illusorio, al mio posto, un’entità che è anche possibile toccare con mano, sennonché io non ci sono. Puoi anche sentire la mia carne a contatto con la tua, e credere che i nostri stili di vita siano comparabili, ma io semplicemente non sono lì».

Pubblicamente si presenta come una persona sensibile, preoccupata dai problemi che affliggono la società come l’Aids, l’ambientalismo, il maschilismo, etc., ma in realtà è un accanito sessista, razzista e omofobo.

Patrick Bateman è un serial killer che uccide per rabbia, fastidio per alcuni fatti, sadismo durante o dopo un rapporto sessuale. Talvolta confessa i propri crimini ad amici, colleghi di lavoro e perfino a estranei «Mi piace vivisezionare ragazze, sai? Sono completamente folle!», ma lo fa solo per verificare se lo stiano ascoltando. Per uccidere non ha un’arma prediletta, bensì quello che ritiene più opportuno per l’occasione.

La storia di Patrick Bateman

Patrick Bateman ha studiato alla Phillips Exeter Academy e si è laureato nel 1984 all’Università di Harvard. Successivamente ha frequentato la Harvard Business School e due anni dopo si è trasferito a New York.

Lavora alla Pierce & Pierce, prestigiosa società di brokeraggio di Wall Street, dove ricopre il ruolo di esperto nel settore fusioni e acquisizioni. Possiede un lussuoso appartamento nell’Upper West Side nel prestigioso palazzo American Gardens Building e ha come vicino di casa l’attore Tom Cruise.

Patrick Bateman è di famiglia benestante, infatti, i suoi genitori hanno una casa a Long Island e una residenza estiva a Newport. I suoi genitori sono divorziati e la madre è malata di mente. Ha un fratello minore, Sean (il protagonista del romanzo Le regole dell’attrazione), che Patrick detesta.

Ama guardare film porno violentifilm horror e slasher (il suo preferito è Omicidio a luci rosse) e vari programmi televisivi, tra i quali uno immaginario chiamato The Patty Winters Show. Utilizza spesso la frase «devo restituire una videocassetta» come scusa per giustificare il tempo che trascorre a uccidere le proprie vittime.

Come già sappiamo, Patrick Bateman di notte si trasforma in un letale serial killer che pratica stuprotorturaomicidionecrofilia cannibalismo (fatti ben descritti sul romanzo).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Add Comment