Nannie Doss

Per la rubrica sui più folli mai esistiti sul pianeta, oggi parleremo di NANNIE DOSS.

Nannie Doss

Nannie Doss, all’anagrafe Nancy Hazle Doss è stata una serial killer americana soprannominata The Gigglin Granny (La nonna ridacchiante). Il suo soprannome nasce per il suo sorriso sempre ironico che mostra in molte fotografie.

La nonna ridacchiante, temibile serial killer, nacque a Blue Mountain il 4 novembre del 1905 e morì il 2 giugno del 1965. Assassinò 12 persone, tra cui una suocera, due nipoti, sua madre, sua sorella e due suoi figli. Una persona fuori di testa e davvero spietata.

Chi era Nannie Doss

Nannie Doss aveva un fratello e tre sorelle. Sia lei e sia sua madre odiavano il padre alcolista e collerico; il quale costringeva i suoi figli a lavorare nella fattoria di famiglia invece di frequentare la scuola.

A 7 anni, durante un viaggio in treno con tutta la famiglia, Nannie Doss subì un grave incidente. A causa di una brusca frenata sbatté violentemente la testa, procurandosi una ferita che nel tempo non le diede tregua, causandole frequenti emicranie. Secondo le sue affermazioni, questa sarebbe stata la causa principale della sua vita da serial killer. Infatti, per molti anni ha sofferto di mal di testa, blackout e depressione.

Trascorse la sua adolescenza alla ricerca di un amore romantico, ma il padre le proibiva anche di truccarsi e di frequentare i suoi coetanei, specialmente i maschi. Gli ha anche vietato di andare a balli e altri eventi sociali. Nonostante il severo divieto, crescendo cominciò a frequentare di nascosto i ragazzi del luogo.

La serial killer Nannie Doss

Primo matrimonio:

Nannie Doss si sposò a soli 16 anni con un certo Charley Braggs, sotto pressione di suo padre che lo riteneva un buon marito. Da questo matrimonio nacquero 4 figli e Nannie Doss, stressata, ha iniziato a bere e fumare.

Stanca della fatica di allevare tanti figli, ne uccise due mettendo del veleno per topi (stricnina) nelle loro minestre. Poi morì la madre del marito, con la quale Nannie Doss aveva una forte rivalità. Nessuno capì che si trattasse di un omicidio, ma il marito, sospettoso, chiese il divorzio e scappò con le due figlie rimaste in vita. Impiegò il tempo libero alla ricerca di un nuovo marito, tramite annunci e ricerche sulla rivista intitolata Cuori solitari.

Secondo matrimonio:

Si sposò con Frank Harrelson e durò per ben 16 anni. Anche lui si dimostrò essere un alcolista incallito. Durante questo matrimonio Melvina, la primogenita di Nannie Doss, ebbe due figli. Agghiacciante che quando Melvina partorì il secondo figlio, Nannie Doss lo uccise infilando uno spillone nella testa del neonato. Nessuno sospettò di lei.

Tempo dopo Melvina litigò con il marito e decise di andare per qualche tempo da suo padre, lasciando il primo figlio alla madre Nannie. Mentre la figlia era via, Nannie Doss stipulò una ricca assicurazione sulla vita del nipote Robert (circa $ 500) e poi lo uccise asfissiandolo, senza lasciare alcun sospetto.

Quello stesso anno assassinò anche suo marito Frank mettendo del veleno per topi nella sua bottiglia di whisky e anche questa morte non destò sospetti, poiché a causa dell’alcool Frank aveva molti problemi fisici.

Terzo matrimonio:

Nel 1947 Nannie Doss conobbe e sposò Arnie Lanning. Anche lui era un alcolista. Utilizzando lo stesso metodo utilizzato per il precedente marito, uccise anche lui e nessuno sospettò di nulla. La sorella e la madre di del defunto marito reclamarono il diritto di ottenere la casa di lui, così Nannie Doss gli diede fuoco e uccise la madre di Arnie per incassare i soldi dell’assicurazione.

In seguito si trasferì dalla sorella e uccise anche lei con del veleno. Dopo averne ereditato la casa, tramite un’agenzia matrimoniale conobbe Richard Morton e guardate un po’, si sposò. Già potete immaginare il proseguo della storia…

Quarto matrimonio:

Dopo un primo periodo di felicità, Nannie Doss scoprì che il suo quarto marito aveva una o più amanti; decise così di uccidere anche lui. Nel frattempo morì anche il padre di Nannie e sua madre, per non restare sola, si trasferì nel gennaio 1953 da lei.

Allorché uccise prima la madre e dopo circa tre mesi anche il marito, dopo che questi aveva bevuto del caffè che lei aveva avvelenato. Nel frattempo aveva già cercato annunci di single sulla solita rivista, conoscendo Samuel Doss di Tulsa con cui si sposò nel giugno del 1953.

Quinto matrimonio:

Il suo nuovo marito era un nazareno che aveva perso la sua famiglia in un tornado nella contea di Madison , in Arkansas. Improvvisamente Samuel iniziò a stare male e lo ricoverarono in ospedale. Aveva una brutta infezione del tratto digestivo. Lo curarono e lo rilasciarono, ma il 12 ottobre del 1954 sua moglie lo uccise con l’arsenico.

Il medico che lo aveva rilasciato ordinò un’autopsia e per la serial killer non ci fu scampo, la arrestarono prontamente.

La fine della serial killer

Nannie Doss ha confessato subito gli omicidi. Tuttavia, lo stato dell’Oklahoma ha centrato il suo caso soltanto su Samuel Doss. Si dichiarò colpevole il 17 maggio 1955 e la condannarono all’ergastolo. Morì di leucemia nel reparto ospedaliero del penitenziario di stato dell’Oklahoma nel 1965.

Add Comment