Mandy la bambola maledetta

In questo articolo vi parlerò della storia vera di MANDY LA BAMBOLA MALEDETTA.

La bambola maledetta è conservata in un museo canadese, perché donategli dalla sua vecchia proprietaria nel 1991, stanca degli strani fenomeni che avvenivano a casa sua. Dopo aver donato la bambola al museo, la proprietaria ha notato che gli strani fenomeni che avvenivano in casa sua cessarono.

Mandy la bambola maledetta

Questa che sto per raccontarvi è una storia agghiacciante, di quelle che al solo pensiero fanno accapponare la pelle. Abbastanza normale, visto che bambole e bambolotti indemoniati o maledetti accendono le paure di tutti noi. Tanti hanno visto pellicole con bambole assassine, maledette o indemoniate, credendo che tutto ciò avvenga soltanto dietro a una macchina da presa, ma essi si sbagliano di grosso. Le bambole maledette esistono e nel mondo c’è ne sono di numerose. Tra i casi più agghiaccianti, oltre a quello che sto per narrarvi, troviamo quello di Robert la bambola e anche Annabelle.

La storia di Mandy la bambola maledetta

La donna che si liberò di Mandy, diminuito di Mereanda, raccontò terrorizzata di tutti gli avvenimenti che si erano susseguiti in casa sua. In particolare alla donna capitava spesso di svegliarsi nel cuore della notte e di sentire il pianto di una bambina provenire dal piano terra della sua abitazione. Ogni volta che andava a controllare non trovava alcuna traccia della presenza di una bambina nelle stanze. Singolare che rinvenisse sempre una finestra aperta e con la tenda smossa dalla brezza notturna, eppure lei le chiudeva tutte ogni volta che andava a coricarsi. Inoltre sparivano numerosi oggetti dalla casa. Tutto ciò porta la donna a disfarsi della bambola, la quale ha crepe sulla porcellana e abiti sporchi e beceri.

Mandy sale alla ribalta dei mass media canadesi nel 1999, quando il libro Supernatural Stories Around British Columbia arriva sugli scaffali delle librerie di quel paese. Sulle sue pagine c’è anche la storia di una sinistra bambola esposta al Quesnel Museum (Columbia Britannica). Ruth Stubbs, la direttrice del museo, firmerà il racconto che la vede protagonista. La particolarità della storia è tale che radio, televisioni e giornali cominciano a occuparsene, e in un paio di settimane Mandy e il suo museo sono sulla bocca di tutti: migliaia di persone accorrono in massa da tutte le parti del Canada per poter ammirare nel museo la famosa “bambola maledetta“.

Mandy la bambola maledetta

La bambola maledetta arriva al museo

Quando Mandy la bambola maledetta arrivò nel museo, iniziarono ad accadere cose strane anche lì. Cibo che scompariva dal frigorifero per essere poi ritrovato marcio in qualche cassetto, passi che venivano chiaramente uditi quando nessuno sembrava essere nei paraggi, pianti e molto altro di insolito e agghiacciante. Tuttavia nessuno accomunò quei fatti insoliti alla bambola, la quale rimase nell’ingresso del museo in attesa di una nuova collocazione.

Sempre più visitatori del museo furono attratti dalla bambola maledetta, fintantoché aumentarono a dismisura per andare a vederla. Rimanevano tutti incantati, praticamente ammaliati, dalle fattezze di Mandy la bambola maledetta. Qualcuno affermò di sentirla parlare, altri di percepire una forza maligna. In sostanza in molti hanno riferito di avere ravvisato qualche strana sensazione nell’osservarla. Sarà soltanto suggestione o tali affermazioni corrispondono alla verità?

La bambola fu susseguentemente spostata e messa in una teca nel museo. I visitatori erano sempre più assidui. Anche le peculiari stranezze aumentarono a dismisura. Qualcuno cominciò a sentirsi osservato da Mandy, qualcuno disse di avere visto le sue ciglia sbattere. Altri riferirono malfunzionamenti alle loro telecamere e macchine fotografiche quando provavano a riprendere la bambola o a scattarle una foto. Il mistero s’infittisce e diventa sempre più terrificante.

Mandy la bambola maledetta e il paranormale

Numerosi parapsicologi hanno avuto a che fare con Mandy. Diversi di loro sostengono che la bambola avrebbe delle “energie”, dei “poteri”, legate al suo oscuro passato, che resta comunque del tutto ignoto. Ciò spiegherebbe gli strani avvenimenti che hanno vissuto chi è entrato in contatto con la bambola maledetta.

Questa storia è da brividi e negli più scettici potrebbe sortire anche un sorrisetto, ma avrebbero il coraggio di farlo davanti alla teca? Io che amo l’horror e che credo in forze oscure e maligne, non mi permetterei mai il lusso di deridere un oggetto maledetto come questo. Da quello che si racconta e dalle testimonianze di più persone, si può tranquillamente affermare che Mandy sia davvero maledetta.

 

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.