L’abito da sposa di Anna Baker

L’ABITO DA SPOSA DI ANNA BAKER fa parte di una storia vera che ha del surreale, una di quelle che al solo pensarci non fanno dormire la notte. Siete temerari e non vi spaventa proprio nulla? Allora siete pronti per leggere questa storia che il blog rilascia in un ambiente tenebroso e terrificante.

L'abito da sposa di Anna Baker

Un abito da sposa in mostra in un museo ha qualcosa di maledetto, di paranormale, l’abito che appartenne ad Anna Baker, il cui padre le impedì di sposarsi. Si narra che l’abito si muova nella teca e che il fantasma di lei e del padre infestino il museo sorto dalla loro casa.

La storia di Anna Baker

Correva l’anno 1836 quando Elias Baker acquistò una fonderia in fallimento. Insieme al cugino ne risollevò le sorti e gli affari cominciarono a volare. In poco tempo Elias si trasferì, con moglie e due figli al seguito, in una casa vicino alla fabbrica. Poco dopo nacque Anna. Nel 1839 venne al mondo anche un’altra bambina, ma questa morì a soli due anni.

Gli affari dei Baker andavano talmente bene che fece costruire una villa di tre piani nei pressi della fabbrica e ci andò subito a vivere. Ormai i Baker erano una famiglia benestante che poteva permettersi di vivere nel lusso.

Molti anni dopo, quando Anna Baker riferì al padre di essersi innamorata, lui fece i salti di gioia e ordinò un abito da sposa costosissimo. Sembrava tutto perfetto, il sogno per tutti, ma quando Elias scoprì che la figlia si fosse innamorata di un operaio della fabbrica, il castello dorato franò. Elias andò su tutte le furie e si oppose al matrimonio. Non sopportava il pensiero che la figlia si sposasse con un operaio.

Anna Baker, disperata per quanto le stava accadendo, decise che se non poteva sposare chi amava, non sarebbe mai più convolata a nozze. Così Anna Baker rimase nubile fino alla sua morte nel 1914.

Saltate le nozze, l’abito fu acquistato da un’altra ragazza, Elisabeth Dysart, la quale si sposò poco dopo. Lei, invece di supportare la disperata Anna, la prese in giro per il fatto che fosse rimasta zitella.

Il fantasma di Anna Baker

Estinta la famiglia Baker, la villa divenne un museo sito nella città di Altoona in Pennsylvania. Il vestito da sposa fu esposto nella stanza da letto, ormai parte del museo, che un tempo apparteneva ad Anna Baker. Numerosi visitatori e il personale del museo sostengono che il vestito si muova nella teca, a volte così agitatamente da rischiare di rompere il vetro.

Oltretutto si narra che nel museo sia possibile vedere il fantasma di una giovane donna e di un uomo, qualcuno afferma di averli visti; possibile che siano Anna e il padre.  A volte si ravvisano persino delle grida.

Ormai in molti credono che sia il fantasma di Anna Baker a reclamare il suo vestito per poterlo finalmente indossare. Una storia horror degna del blog HorrorVertolli.

 

 

Sending
User Review
0 (0 votes)

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.