La storia di Carole Compton

In questo articolo narrerò LA STORIA DI CAROLE COMPTON, una donna con particolari capacità.

La storia di Carole Compton

Carole Compton era una baby sitter scozzese di 21 anni quando fu accusata di avere provato a uccidere una bambina di tre anni affidatele. Correva l’anno 1982. In sua difesa affermò che gli spiriti maligni la perseguitassero.

Arrivò in Italia per un cameriere romano del quale si era innamorata e quindi si diede fare per restarci. Quando era ospite e faceva la bambinaia per la famiglia Ricci, in sei giorni si verificarono tre incendi la cui natura apparve molto strana. Gli incendi furono additati a Carole che senza prove fu licenziata. Assunta da un’altra famiglia, pochi giorni dopo si verificò un altro incendio inspiegabile. Il giorno seguente andò peggio, perché a prendere fuoco fu il letto della piccola Agnese che si salvò per l’intervento tempestivo del nonno. Carole Compton fu accusata di tentato omicidio.

Il processo fu celebrato a Livorno nel dicembre 1983. L’ accusa chiese una condanna a 7 anni di reclusione, ma la corte l’assolse dall’accusa di tentato omicidio e ordinò la scarcerazione. Il caso fece grande scalpore.

Una perizia psichiatrica definì la ragazza “di modesto livello intellettivo ma non pazza” e rimasero sempre senza spiegazioni i casi di tavoli che si muovevano da soli, di vasi che cadevano, degli incendi nelle case dove Carole lavorava. Molti fenomeni spiritici potrebbero essere causati, inconsciamente, da persone con  capacità cinetiche latenti: in grado cioè di far accadere le cose con la mente. Ciò sembra essere accaduto a Carole Compton.

Una veggente tentò persino di esorcizzarla ma fu subito allontanata dai carabinieri. La stampa inglese attaccò violentemente l’Italia accusandola di “giustizia medievale” e di “voler processare una strega“.

Adesso ci domandiamo, Carole Compton aveva davvero dei poteri cinetici ed era tormentata dagli spiriti? Oppure era soltanto una piromane molto pericolosa? Una domanda dalla risposta molto ardua.

 

Storie horror

 

 

 

 

Leave a Reply