La casa mortuaria della famiglia Snedeker

LA CASA MORTUARIA DELLA FAMIGLIA SNEDEKER è il titolo che ho dato a una storia horror vera nella quale intervennero i coniugi Warren e che ispirò il film horror Il messaggero – The Haunting in Connecticut.

La casa mortuaria della famiglia Snedeker

Ci troviamo nel 1986 e Carmen Snedeker si trasferisce insieme alla propria famiglia a Southington, nel Connecticut, per vivere nei pressi del UConn Health Center dove il figlio di Carmen era in cura per il cancro. Philip Snedeker era in cura a causa di un cancro del sistema immunitario noto come il Linfoma di Hodgkin.

A trasferirsi nella nuova casa erano stati la signora Carmen Snedeker, i suoi 3 figli maschi, una figlia femmina e due nipoti. L’arrivo nella nuova casa soddisfò molto la famiglia Snedeker, in quanto l’affitto era molto basso e la casa spaziosa, perfetta per un gruppo così numeroso. Eppure, ben presto scoprirono un dettaglio che li inquietò non poco: quella casa era un luogo dove i cadaveri venivano preparati e sistemati per il funerale.

Nella casa scoprirono moltissime foto post-mortem e varia attrezzatura per il lavoro nella casa mortuaria. Soprattutto nel seminterrato trovarono di tutto e di più, roba da suscitare moltissima suggestione nella famiglia. La casa mortuaria della famiglia Snedeker era davvero spaventosa.

Gli eventi paranormali in casa Snedeker

Ovviamente in una casa del genere non trascorse molto tempo prima che si manifestassero i primi eventi senza spiegazione. Philip Snedeker, il figlio maggiore malato di cancro, occupò la stanza nel seminterrato insieme al fratello Bradley e raccontò subito di vedere delle strane presenze aggirarsi lì. Dapprincipio non gli credettero e attribuirono quelle terrificanti visioni ai farmaci che assumeva. Tuttavia Philip divenne ben presto aggressivo e violento, un giorno andò dai vicini a chiedere una pistola affermando di volere uccidere il proprio patrigno.

La nipote di 17 anni raccontò di sentirsi afferrata mentre era nel letto. Che gli era accaduto più volte, ma nella stanza non aveva mai ravvisato nessuno. Poi iniziarono i rumori nella notte, alcune apparizioni e persino un tentativo di violenza sessuale nei confronti della madre di famiglia. In seguito scoprirono che una delle persone che lavorava nella casa mortuaria praticava atti di necrofilia.

Due anni trascorsero e La casa mortuaria della famiglia Snedeker era sempre più vittima di eventi paranormali davvero spaventosi, così decisero di rivolgersi ai coniugi Warren.

L’esorcismo nella casa della famiglia Snedeker

I coniugi Warren arrivarono nella casa e dissero subito che era infestata da presenze demoniache. In quella casa si erano praticati riti satanici e sedute spiritiche. Il male vero dimorava in quella casa.

Il 6 settembre del 1988 i coniugi Warren, con l’aiuto di un esorcista, praticarono un esorcismo nella casa e tutti demoni sparirono. Da allora nessuno ha avuto più problemi nella casa.

La vicenda divenne ben presto di dominio pubblico, tempo dopo ne susseguiranno libri e film. Furono ospitati da John Zaffis, noto conduttore televisivo, e con l’aiuto dei coniugi Warren ottennero l’attenzione a cui miravano. In televisione dichiararono:

A) Apparivano spesso due figure, uno alto e magro, con pochi capelli lunghi e neri come la pece, indossava piccoli occhiali tondi e un cappello a cilindro, l’altro aveva capelli neri corti e gli occhi azzurri e indossava uno smoking gessato;

B) l’acqua nei tubi divenne di un rosso sanguigno;

C) Durante l’esorcismo i demoni erano molto potenti;

D) Le luci si accendevano e si spegnevano ad intermittenza;

E) La tenda della doccia si appiccicò addosso a Carmen, tanto da non lasciarla respirare; sua nipote dovette correre per aiutarla.

Per la cronaca, lo sfortunato Philip Snedeker morì nel gennaio del 2012 a soli 38 anni. Era riuscito a vincere una battaglia contro i demoni che infestavano la casa, ma non contro la sua malattia.

 

 

 

 

 

 

 

 

Add Comment