La babysitter

LA BABYSITTER è un film horror del 2017 in chiave comica e splatter. Il film è stato diretto da McG.

La babysitter

La trama di La babysitter

Questo film horror intitolato La babysitter inizia col mostrarci Cole, un dodicenne introverso e vittima di bullismo. Cole ha paura di tutto, è molto insicuro, si rifiuta persino di guidare la macchina del padre in un luogo isolato e senza rischi. Rabbrividisce quando la madre entra temerariamente nella cantina sotto la casa per mettere delle trappole per topi e lasciando in vita dei ragni giganteschi e spaventosi. In poche parole Cole ha davvero paura di ogni cosa…

Un fatto che contraddistingue Cole, è quello di avere una babysitter; in quanto i genitori trascorrono parecchi week-end fuori casa per avere la loro intimità. Come afferma Cole: se ne vanno per fare sesso. Cole ha inoltre una cotta per Melanie, una ragazzina che abita vicino a lui.

Una sera come tante, i genitori di Cole vanno a dormire fuori casa e lo lasciano alla sua inseparabile babysitter, la bellissima e sensuale Bee. Melanie dice a Cole che probabilmente, quando lui dorme, la babysitter invita il fidanzato per fare del sesso. Melanie ne è sicura, perché dice che lo fanno tutte le babysitter, così Cole decide di rimanere sveglio per spiarla. Un grosso errore, perché qualcosa di terrificante sta per accadere.

Il mio parere su La babysitter

La babysitter è un film horror in chiave comica e splatter a mio avviso perfettamente riuscito. Il film scorre velocemente, è divertente, pieno di sangue e morti al limite della follia. Ha davvero tutti gli elementi per definirlo uno splatter ben riuscito. Piacevole la parte iniziale dove si evidenzia il profondo legame tra Cole e la babysitter, dando un tocco di divertimento che preannuncia lo scatenarsi dei sanguinolenti eventi.

Stiamo parlando di un titolo che vuole essere un B movie senza molte ambizioni, in cui viene raccontata una storia decisamente scarna di contenuti che tuttavia riesce a intrattenere lo spettatore nel modo giusto, in quello effettivamente ricercato dal regista. La tensione dell’horror viene costantemente mitigata dalla commedia, in una scrittura molto soft in entrambi i generi, senza mai andare nel banale. In fondo, La babysitter deve essere questo tipo di film, uno di quelli senza una trama ben elaborata ma che volano via e non annoiano mai.

 

 

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.