Jerry Brudos

Per la rubrica sui Serial killer, oggi parleremo di JERRY BRUDOS.

Jerry Brudos

Jerry Brudos (31 gennaio 1939 – 28 marzo 2006) è stato un serial killer e necrofilo che ha assassinato almeno quattro donne in Oregon tra il 1968 e il 1969. Era soprannominato The Shoe Fetish Slayer o anche Lust Killer, mentre per tutti noi non è altro che il serial killer feticista.

Come serial killer ha ricevuto molto risalto mediatico, meritando addirittura un intero libro dedicato alla sua figura, Lust Killer di Ann Rule. Ha ispirato inoltre la figura di Buffalo Bill nel film Il silenzio degli innocenti.

Chi era Jerry Brudos

Jerry Brudos nacque nel Sud Dakota il 31 gennaio del 1939 ed era il più giovane di due figli. Nella fanciullezza veniva spesso maltrattato dalla madre che avrebbe voluto una figlia femmina. Sin da bambino amava le scarpe e i piedi femminili, era un vero e proprio feticista. Tutto iniziò quando a soli 5 anni giocò con delle scarpe femminili con il tacco alto dentro una discarica locale.

Iniziò persino a rubare la biancheria intima femminile ai vicini di casa e in prima elementare cercò di rubare le scarpe della sua insegnante. Ha trascorso l’adolescenza uscendo ed entrando dagli ospedali psichiatrici. La sua follia iniziò quando nella tarda adolescenza inizia a pedinare le sue coetanee, spesso aggredendole o soffocandole fino allo svenimento, per poi fuggire con le loro scarpe.

All’età di 17 anni, ha rapito e picchiato una ragazza, minacciando di pugnalarla se non avesse obbedito alle sue richieste sessuali. Lo arrestarono e lo portarono in un reparto psichiatrico dell’Oregon State Hospital, dove ci rimase per nove mesi. Lì si scoprì che le sue fantasie sessuali ruotavano attorno al suo odio e alla vendetta contro sua madre e le donne in generale.

Ha subito una valutazione psichiatrica e gli è stata diagnosticata la schizofrenia . Nonostante fosse istituzionalizzato, si diplomò con la sua classe nel 1957. Poco dopo la laurea, Jerry Brudos divenne un tecnico dell’elettronica. 

Nel 1961 si sposò con una diciassettenne ed ebbero due figli, poi si stabilirono in un sobborgo di Salem, in Oregon. Costringeva la moglie a pulire casa completamente nuda e soltanto con un paio di scarpe con il tacco ai piedi. Proprio in quel periodo iniziò a soffrire di emicrania e blackout. Per alleviare i suoi sintomi, rubava scarpe e biancheria intima alla gente.

Teneva le scarpe, la biancheria intima e per un periodo persino i corpi delle sue vittime, in un garage dove nemmeno la moglie poteva entrare senza annunciare il proprio arrivo tramite un citofono che aveva allestito. Jerry Brudos il feticista era davvero folle.

Il serial killer Jerry Brudos

Gli omicidi del serial killer Jerry Brudos iniziarono nel 1968. Agghiacciante che dopo avere ucciso, si vestiva con i tacchi alti e si masturbava. La storia di questo folle psicopatico e feticista, è una di quelle che il blog HorrorVertolli non poteva fare a meno di raccontare.

A) Assassinò Linda Slawson di soli 19 anni quando bussò alla sua porta per vendergli delle enciclopedie. La attirò nel garage e la strangolò. La vestì con diverse indumenti intimi femminili e scarpe che aveva rubato, sistemò il suo corpo in pose provocatorie e usò un seghetto per tagliare il piede sinistro. Il piede, che teneva nel congelatore, gli sarebbe servito per modellare la sua collezione di scarpe col tacco alto. Si sbarazzò del corpo nel fiume Willamette.

B) Seguì la diciannovenne Karen Sprinker in un grande magazzino e le puntò una pistola. Jerry Brudos era vestito con abiti femminili. La portò nel garage e la fotografò con la sua collezione di intimo. Soltanto dopo la uccise e praticò la necrofilia. Inoltre le tagliò i seni per fare dei stampi di plastica.

C) Siamo nel novembre del 1968, quando a Jan Whitney si fermò la macchina mentre andava al college. Jerry Brudos la strangolò e praticò atti di necrofilia sul cadavere. La pratica andò avanti per diversi giorni.

D) Il 23 aprile del 1969 Jerry Brudos rapì e uccise Linda Salee di 22 anni. Decise di non tagliarle i seni perché erano “troppo rosa“.

La fine del serial killer

Le indagini sui corpi ritrovati condussero direttamente a Jerry Brudos e nella perquisizione nel suo garage trovarono tutte le prove. Lui confessò tutto. Lo condannarono a 3 ergastoli consecutivi.

Mentre era in carcere, Jerry Brudos aveva una pila di cataloghi di scarpe da donna nella sua cella e sosteneva che erano il suo sostituto della pornografia. Morì in carcere il 28 marzo del 2006 per un cancro al fegato. 

 

Add Comment