Clown

CLOWN è un film horror del 2014 diretto da Jon Watts e prodotto da Eli Roth.

Clown

 

Kent è un agente immobiliare e un affettuoso marito e padre di famiglia. Per il compleanno del figlio organizza una festa chiamando un clown, così da farlo divertire assieme ai suoi amici. All’ultimo momento il clown, a causa di un disguido dell’agenzia noleggiatrice, va a un’altra festa e quella di Jack rischia di andare a rotoli. Trovandosi proprio in quel momento ancora al lavoro ed avvertito della situazione per telefono dalla moglie, Kent si sente mortificato e inizia a pensare a come rimediare. Quando entra nella cantina dell’abitazione dove si trova per una vendita, trova un vecchio costume da clown e rimane molto sorpreso. Decide così che sarà lui a far divertire Jack e i suoi amici. Indosserà lo strano vestito da pagliaccio con tanto di naso finto e intratterrà i bambini alla festa.

Quella stessa sera, a festa finita, Kent si addormenta sul divano con il costume ancora addosso. La grande sorpresa sarà il mattino dopo, quando scoprirà che non riesce a togliere il vestito. Sembra come incollato al suo corpo, persino il naso finto. La moglie, per staccargli il naso finto, lo ferirà. Successivamente, Kent inizia a mostrare strani comportamenti e malesseri, come aumento dell’appetito e sanguinamenti dalla bocca.

Clown

Nella pellicola non troviamo il classico clown che uccide per follia, bensì c’è una storia più complessa che vale la pena scoprire. Personalmente l’ho riscontrato piuttosto scorrevole e ben girato, sebbene con il proseguire della narrazione si possano riscontrare della falle nel contesto horror. A mio avviso è un film che alla fine non riesci a comprendere davvero se ti sia piaciuto oppure no. Un film nel mezzo. Per fortuna non mancano scene di terrore, tensione e sangue. Il pensiero di rimanere incastrato in un vestito da pagliaccio emana un forte flusso claustrofobico. Se siete curiosi di scoprire cosa combinerà questo affettuoso padre di famiglia nelle vesti di un clown, allora buona visione.

Voto di Angelo Vertolli: 3 su 5.

 

Film horror

Leave a Reply