Black Summer

BLACK SUMMER è una serie TV horror creata da Karl Schaefer e John Hyams e mandata in onda su Netflix. Stiamo parlando di una serie horror post-apocalittica a tema zombie.

Black Summer

La trama di Black Summer

La serie horror Black Summer inizia con un gruppo di cittadini che corrono per le strade con la speranza di essere portati in salvo dai militari. Arrivano al posto di blocco, dove ad attenderli c’è un passaggio verso un luogo più sicuro, ma per qualcuno le cose non vanno come previsto.

In fuga dall’apocalisse zombie, Rose, il marito e la loro figlia arrivano al posto di blocco dei militari, ma quando scoprono che il marito è ferito, scoppia il caos. Alla fine Rose viene separata dalla figlia e inizierà un difficoltoso viaggio per trovarla. Insieme a un piccolo gruppo di sopravvissuti, dovrà attraversare con estremo coraggio un mondo divenuto ostile, dove la morte è dietro l’angolo, e prendere delle difficili decisioni in quella estate apocalittica.

Black Summer ha ricevuto i complimenti del maestro dell’horror Stephen King su Twitter:

“Quando stavi pensando che non ci fosse rimasto più horror negli zombie, arriva Black Summer: inferno esistenziale nella periferia, portato all’essenziale.”

“Niente lunghe, pesanti discussioni, niente flashback infiniti, perché non c’è nessuna storia precedente. Girato principalmente con macchina da presa a mano, molto fluida. Gli altri showrunner potrebbero imparare molto da questa serie.”

Il mio parere su Black Summer

Cominciamo a dire che su Netflix è arrivata una nuova serie horror ed è a tema zombie, uno dei generi che preferisco. Per renderla un tantino diversa dalle altre serie sui morti viventi, qui li hanno resi molto più ostili e pericolosi. In Black Summer gli zombie sono veloci, corrono come maledetti forsennati, sono anche piuttosto intelligenti e affamati di carne umana.

Questo aspetto degli zombie rende la serie stracolma di adrenalina, in quanto non c’è mai il tempo di rilassarsi, di soffermarsi sulle riflessioni, ma bisogna soltanto sopravvivere e soprattutto correre veloce, molto veloce, più di loro.

Durante il primo episodio di Black Summer ci vengono presentati i vari personaggi, dividendoli in capitoli e costruendo un intreccio che funziona. Un poco fastidioso che l’intera serie sia suddivisa in titoli e capitoli, forse sarebbe bastato soltanto il primo episodio, quello che per forza di cose ci deve illustrare i vari protagonisti.

Finiamo col dire che Black Summer è una serie molto più leggera se confrontata a The Walking Dead, dove i personaggi sono molto introspettivi e ben caratterizzati, qui invece, bisogna soltanto sopravvivere e perseguire i propri obiettivi, come trovare la propria figlia o quant’altro si reputi importante durante un apocalisse zombie.

 

 

 

 

Add Comment