Aileen Wuornos

0 Condivisioni

Per la rubrica sui Serial killer, oggi parleremo di AILEEN WUORNOS.

Aileen Wuornos

Aileen Wuornos, nata a Rochester il 29 Febbraio del 1956, è stata una serial killer e prostituta soprannominata l’Assassina dell’Autostrada. La sua vita ha ispirato il film Monster (2003), in cui la parte di Aileen Wuornos venne affidata a Charlize Theron, la quale vinse per questa interpretazione il premio Oscar, mentre Christina Ricci interpretò Tyria Moore (chiamata nel film Selby).

Chi era Aileen Wuornos

Diana Wuornos si sposò a 15 con un uomo affetto da schizofrenia e da questo matrimonio nacquero due figli, Keith e Aileen Wuornos. Il matrimonio durò soltanto altri due anni. Poco tempo dopo il padre di Aileen venne rinchiuso in prigione con l’accusa di violenza su minori e si impiccò nella cella.

A soli 4 anni lei e il fratello vennero affidati ai nonni, ma neanche qui i bambini riuscirono a godere di condizioni di vita particolarmente stabili, poiché il nonno era un alcolista. A 14 anni venne violentata da un amico di famiglia e rimase incinta: il bambino sarà portato in un istituto e poi adottato.

Dopo la nascita del bambino Aileen Wuornos lasciò la scuola e alla morte della nonna per insufficienza epatica, il nonno la buttò fuori casa. Non sapendo come sostentarsi, Aileen iniziò a prostituirsi. Nel 1976, appena ventenne, sposò il facoltoso sessantanovenne Lewis Gratz Fell, ma il matrimonio durò soltanto 9 settimane. Aileen l’aveva sposato soltanto per soldi e siccome alla morte del fratello per un cancro all’esofago ricevette 10.000 dollari dall’assicurazione, decise di annullare il matrimonio.

La vita di Aileen scorreva come sempre, tra un cliente e un altro per potere sopravvivere e con una profonda tristezza dentro di sé. Stava persino pensando al suicidio, quando con l’intenzione di spendere gli ultimi 5 dollari che aveva in tasca dentro un locale, conobbe Tirya Moore e poco tempo dopo andarono a vivere insieme. Era Aileen Wuornos a provvedere al loro mantenimento grazie al fatto che si prostituiva.

La serial killer Aileen Wuornos

Nel novembre del 1989 Aileen Wuornos ritornò a casa della compagna, Tirya Moore, con l’automobile della sua prima vittima. Di seguito raccontò a Tyria di avere ucciso un suo cliente che aveva provato a violentarla e di avergli sottratto il veicolo. L’auto era di Richard Mallory e il suo corpo fu ritrovato il 13 dicembre dello stesso anno in un bosco vicino all’autostrada, tuttavia gli inquirenti non trovarono nessuna pista da seguire.

Il 5 maggio 1990 assassinò un cliente con due colpi di calibro 22 e quando ritrovarono il cadavere, non riuscirono a identificarlo per l’avanzato stato di decomposizione.

La terza vittima fu un certo David Spears, un camionista che uccise con sei colpi di calibro 22. Quando il detective Orange esaminò il camion dell’uomo assassinato non trovò nessun indizio, ma la relazione effettuata da una criminologa fece emergere due cose: l’omicidio non sembrava sfociato da un tentativo di furto e l’assassino era probabilmente una donna.

Il 6 giugno trovarono il cadavere di Charles Carskadonn, un allevatore di bestiame ucciso con nove colpi di calibro 22. Un’altra persona, Eugene Burness, fu trovata morta lungo l’Interstate 75 e stavolta l’investigatore Tom Muck, riscontrando delle analogie con i vari crimini, paventò l’ipotesi di un serial killer.

Ne susseguono altri due omicidi e così la polizia, instaurando una task force, elaborò un profilo volto a ricostruire il modus operandi del serial killer. Per la prima volta si ipotizza che si possa trattare di una prostituta che uccide i propri clienti.

La fine della serial killer

La svolta delle indagini si ebbe quando la Aileen Wuornos depositò a un banco dei pegni una videocamera che apparteneva a una delle sue vittime, lasciando così impronte digitali che gli inquirenti confrontarono con successo con quelle ritrovate su una delle scene del crimine.

L’arresto avvenne a una festa di motociclisti e il reato contestato era quello di porto d’armi abusivo. Questo capo di imputazione non sarebbe stato sufficiente per un processo, ma la compagna di Aileen, Tyria Moore, nel corso di un interrogatorio confessò i crimini della convivente.

In mancanza di alcuni decisivi dettagli, i poliziotti chiesero a Tyria Moore di parlare con Aileen al telefono per spingerla a tradirsi. Durante la conversazione Tyria fece quindi delle allusioni sugli omicidi e per quanto Aileen Wuornos avesse probabilmente capito di essere intercettata, decise di parlare e confessare, scagionando quindi la fidanzata e prendendosi da sola la responsabilità di tutti i crimini.

Aileen Wuornos

Il processo iniziò nel gennaio del 1992 e anche se Aileen Wuornos fu accusata solamente del primo omicidio, la corte della Florida non tenne in considerazione l’attenuante della violenza e il 27 gennaio le inflisse la condanna alla sedia elettrica.

La donna ricorse in appello senza successo e continuò ad affermare il suo disprezzo per la vita e il suo desiderio di continuare a fare del male. Dopo il processo del febbraio 1992, Aileen e Tyria non si incontrarono e non si parlarono mai più.

Aileen Wuornos fu giustiziata tramite iniezione letale il 9 ottobre 2002, dopo 12 anni di prigionia.

 

0 Condivisioni

Add Comment