Abduction di Dioniso Llanca

Per raccontare il caso di ABDUCTION DI DIONISO LLANCA bisogna tornare indietro di molti anni, esattamente al 28 ottobre del 1973. Ci troviamo nella zona di Baia Blanca, provincia di Buenos Aires, dove Dioniso Llanca venne preso a bordo di un UFO e analizzato da vari esseri, due maschi e una femmina.

Abduction di Dioniso Llanca

La notte del rapimento alieno

La sera del 27 ottobre il camionista Dioniso Llanca aveva trascorso la serata a casa dello zio. Era stato molto bene, ma non poteva fermarsi a dormire lì, in quanto doveva consegnare dei materiali di costruzione a Rio Gallegos. Così salutò suo zio e si mise in marcia.

Era circa l’una e un quarto del 28 ottobre 1973 quando notò di avere una gomma sgonfia; così accostò sulla strada e scese dal camion. Improvvisamente venne avvolto da un’intensa luce gialla, fortissima. Alcuni attimi dopo diventò blu e lui sentì di non avere più le forze. Riusciva a muovere solo gli occhi e notò un disco volante nel cielo e tre umanoidi che gli venivano incontro.

La paralisi divenne piena e non poteva nemmeno parlare, si sentiva un manichino impotente nelle loro mani. I tre umanoidi lo raggiunsero, avevano i capelli biondi, due li avevano corti e uno lunghissimi (per lui quella era una donna). Erano tutti della stessa altezza e vestiti allo stesso modo: abiti unici color grigio stretti ai loro corpi, stivali gialli e lunghi guanti gialli. Non avevano caschi, pistole o cinture. I loro volti assomigliavano a volti umani, se non fosse per gli occhi allungati e le grandi fronti.

Durante il caso di Abduction di Dioniso Llanca gli umanoidi alieni hanno parlato tra loro in una lingua sconosciuta e poi lo hanno afferrato con irruenza e gli hanno posizionato un apparato alla base dell’indice sinistro.

Dioniso Llanca si svegliò qualche ora dopo. Era vicino ai treni nel giardino della “Sociedad Rural de Bahía Blanca“, a 9 km dal luogo in cui si teneva l’incontro. Aveva un’amnesia perché non ricordava il suo nome, il suo camion, gli eventi o il suo indirizzo. Ha cercato di camminare verso l’autostrada, ma è crollato di nuovo. Il 30 si è svegliato all’ospedale municipale di Bahía Blanca e ha ricordato gli eventi.

Le conseguenze del Abduction di Dioniso Llanca

Il giorno seguente Dioniso Llanca aveva gli occhi rossi e perdeva brandelli di pelle, secondo i medici mostrava segni di esposizione a forti radiazioni. Più volte domandarono cosa gli fosse accaduto, ma lui non ricordava proprio nulla.

Del suo caso si interessò l’ufologo Fabio Zerpa, il quale lo spinse a sottoporsi a sedute con psicologi e psichiatri. L’uomo subì sedute di regressione e alla fine ricordò i terrificanti avvenimenti susseguitesi durante il suo rapimento alieno.

Dioniso Llanca ha raccontato che dopo averlo in qualche modo paralizzato gli alieni (probabilmente appartenenti alla razza dei Nordici) lo hanno portato dentro la nave. L’alieno che sembrava una donna era occupato con alcuni strumenti su un tavolo mentre uno degli uomini sedeva su una sedia, quindi Dioniso sospettava che fosse lui il pilota.

Il terzo essere stava guardando il cielo con un dispositivo che sembrava fatto di cristallo. Egli asserì che gli alieni gli parlarono nella sua lingua e lo rassicuravano che non gli sarebbe accaduto nulla di male. Pochi minuti dopo Dioniso Llanca perse i sensi e chissà quali test avranno svolto su di lui…

Il caso è stato studiato da Fabio Zerpa e pubblicato nel suo libro The Underground Kingdom.

Dionisio Llanca oggi è un uomo molto semplice e che vuole vivere in tranquillità la propria vita. Nel 1976 si ritirò nel sud del paese e rimase in contatto solo con un suo fratello. Ha ripetuto più volte alla stampa che non vuole più parlare della questione e che vuole soltanto essere lasciato in pace.

One Response

  1. Isabel Pedrazzoli Maggio 31, 2019

Add Comment