1922

1922 è un film horror, con sfumature drammatiche e thriller, distribuito nel 2017 dalla piattaforma di Netflix. Il film è stato scritto e diretto da Zak Hilditch ed è un adattamento cinematografico del racconto horror intitolato 1922, scritto da Stephen King e incluso nell’antologia Notte buia, niente stelle.

1922

«In Notte buia, niente stelle ho fatto del mio meglio per rendere quel che la gente potrebbe fare e come potrebbe comportarsi in certe situazioni estreme. Le persone in questi racconti non sono prive di speranza, ma riconoscono che a volte persino le speranze più fervide (e i migliori auspici per il nostro prossimo e la società in cui viviamo) si rivelano vane. Anzi, succede spesso. Quello che ci dicono, secondo me, è che la nobiltà non sta principalmente nel successo, ma nel cercare di fare la cosa giusta, e che se non riusciamo a farla, o intenzionalmente ci sottraiamo al compito, la conseguenza sarà l’inferno.»

Stephen King

La trama di 1922

Il film tratto dal racconto di Stephen King e intitolato per l’appunto 1922, inizia in una fatiscente stanza d’albergo, dove l’agricoltore Wilfred James sta scrivendo una lettera dove confesserà tutti i terrificanti accadimenti di quel tetro anno. Tramite i racconti dell’uomo che sta imprimendo su carta, ci ritroviamo nell’estate del 1922, nella cittadina di Hemingford Home nel Nebraska.

Curiosamente, la città in cui il racconto è ambientato, è il luogo in cui viveva Mother Abigail, importante personaggio in L’ombra dello scorpione, nonché la città in cui si trasferisce Ben Hanscom, uno dei protagonisti di It e l’ambientazione del racconto L’ultimo piolo contenuto nella raccolta A volte ritornano.

Wilfred James è un agricoltore ancorato alla propria terra, vive esclusivamente per i suoi acri di terra e per la propria casa. Tuttavia, iniziano delle tensioni con la moglie, la quale intende trasferirsi in città per inseguire il proprio sogno, ossia quello di aprirsi un negozio di abbigliamento. Oltretutto lei enuncia di non sopportare più la vita di campagna. Per fare ciò, intende vendere alla compagnia Ferrington gli acri di terra che aveva ereditato alla morte del padre.

L’agricoltore Wilfred è totalmente contrario all’idea della moglie, e soggiogando il figlio, sarà disposto a tutto pur di mantenere quegli acri di terra e quindi la vita che tanto ama.

Il mio parere su 1922

Il film horror 1922, tratto dal racconto di Stephen King e contenuto nella raccolta di racconti Notte buia, niente stelle, si presenta come una riproduzione cinematografica capace di trasmettere almeno in parte le atmosfere del Re.

Sebbene a volte si ha l’impressione che il film scorra un po’ troppo lentamente, io ho apprezzato molto che la pellicola ci mostri quasi alla perfezione ogni scena del racconto, nonostante l’atmosfera (tuttavia ben proposta) manca del prepotente triste isolamento, della depressione e del fatalismo presente nel racconto. Ovviamente, sappiamo bene quanto sia complicato, se non quasi impossibile, riproporre in un film le opere di King; e in questo almeno in parte ci sono riusciti.

Ambientato come specificato nel titolo, nell’anno 1922, ci ritroviamo immersi in un mondo rurale e ancorato a vecchi concetti sociali, dove le fattorie a carattere famigliare vedono l’avanzare delle imprese più moderne. Guardando questa pellicola scopriremo come la morale e il modo di vivere del protagonista siano ancora legati agli stereotipi patriarcali, dove la moglie deve subire il volere del marito.

Infatti, Wilfred James odia sua moglie che ha un carattere ribelle e innovativo per quell’epoca; di contro sogna una moglie come il suo vicino, la quale è accondiscendente a ogni volere del marito. L’atteggiamento emancipato di sua moglie creerà una frattura insanabile tra i due, che viene alimentata dal contendersi la podestà del figlio Henry.

In conclusione, 1922 è un film che ci racconta le abitudini di quasi un secolo fa, con l’inconfondibile stile di King e con scene di alta crudeltà e di terrore. Un film targato Netflix che consiglio di vedere.

I topi, diamine quei topi!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Add Comment